Design che cambia la vita

  • test : test
Un giorno con Karla Chacon & Carlo Rampazzi osservando la loro arte e profondo sapere.

Un viaggio nell’esperienza del design e sapienza della loro vita 

 

Un incontro che libera i sensi e traccia il colore di ogni giorno.
“Designer che cambiano la vita, magnifiche presenze.”

Le realizzazioni che vengono da loro creati sono capolavori unici. Custodiscono all’interno delle loro anime una destinazione e tutte le emozioni vissute durante il viaggio verso la loro realizzazione.

Sensazioni materiali da sperimentare attraverso un contatto quotidiano. Alla scoperta di un design innovativo, ricco di colori, aromi, sensazioni e vibrazioni. In grado di parlare non solo per se stesso, ma anche per chi lo sceglie.

La semplice scelta di un mobile è riduttiva…

…perché un pezzo di arredamento è un pezzo qualsiasi, ha il sapore della produzione seriale, come qualcosa di statico che non ti appartiene mai veramente.

Ricerca & Innovazione di Karla

La filosofia che ha guidato Karla Chacon, sin dai suoi albori, risiede nella continua ricerca e innovazione di principi e soluzioni di design che rendono libera la nostra vita.

Il leit-motive di Karla:

“in Karladesign, creiamo un design che abbraccia l’unicità totale. L’idea di connettere ogni cliente e ogni esperienza non con un mobile, ma con un compagno di viaggio che mette al centro l’essere umano. Design che cambia la vita e dona benessere.”

La genialità di Carlo: 

“I don’t follow any style, any tendency”

“Creazioni pensate, progettate e finite dalle menti e mani più brillanti per diventare parte della vita di coloro che le scelgono, per crescere e amare ogni giorno.” 

Carlo&Karla

“I pezzi che progettiamo trovano la loro sintesi in contrasti, diversità, rilasciando identità forti, adattandosi e vivendo con stili fortemente dissonanti. Stabilendo nuove armonie, colori personali e colori della casa.”

CATEGORIES:

COMMENTS

Just say Your opinion.

  • Adeeb Dholakia

    30/11/2018

    I think its fantastic

  • Alice Duty

    30/11/2018

    Grazie per questo prezioso articolo

  • Mike Heisenberg

    30/11/2018

    I’m very interested in your way of working.

YOUR COMMENT